LifeRoads

Liferoads
Cammini di Vita

LifeRoads200

L'idea di LifeRoads è nata dal grande desiderio di portare un po' di umanità in un mondo sempre in ricerca dell'efficacia, della fretta, del perfezionismo, tanto da esaltare i problemi, dimenticandosi della persona... Ci siamo accorti che in una società pieno di suoni, di parole, tutti parlano e nessuno ascolta. Che fare dunque?

vai al sito...

Sant'Ugo in rete

youtube32E' possibile seguire le sante messe in diretta streaming - e rivederle on line - sul nostro canale youtube:
www.youtube.com / parrocchiasantugo

facebook32Parrocchia Sant'Ugo è anche su facebook:
www.facebook.com / parrocchiasugo

instagram32Parrocchia Sant'Ugo è anche su Instagram:
www.instagram.com / parrocchia.sugo/

ABBIAMO IMPARATO A RICONOSCERE E RICONOSCERSI

ABBIAMO IMPARATO A RICONOSCERE E RICONOSCERSI

cec565a4-1a88-4227-91ec-611cc8a0afdc

Persone, storie, abbracci, pioggia, camminate su sentieri impervi, preghiera con la comunità. Tante piccole e grandi sfide che riassumono in qualche modo la nostra missione, il nostro legame con il Mozambico.


La missione è sempre una grande scuola, così anche le persone incontrate, la cultura diversa. Tutto parla della vita, anche le situazioni più difficili.


Raccontare e raccontarsi è stato il segreto per riconoscere e riconoscersi debitori di questa stessa vita. Molte volte cerchiamo esperienze forti, riflessioni pindariche, esercizi ascetici per scoprire qualcosa di nuovo e di bello in noi, allora che basterebbe solo raccontarsi e raccontare.


Le storie, quelle di tutti noi, portano sempre un germe di vita, di speranza, di gioia che fanno felici noi ma anche chi le ascolta.


La missione più bella è quando continuiamo a raccontare le meraviglie che Dio sta facendo nelle nostre vite. Alle volte allora andare 'lontano' e raccontare ci aiuta a scoprire il 'vicino' e a raccontarlo.


Omelie della domenica

2020-08-09 XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Omelia don Diego

file audio dell'omelia

+ Dal Vangelo secondo Matteo

Dopo che la folla ebbe mangiato, subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull'altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.

La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».

Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s'impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».

Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».

Parola del Signore