LifeRoads

Liferoads
Cammini di Vita

LifeRoads200

L'idea di LifeRoads è nata dal grande desiderio di portare un po' di umanità in un mondo sempre in ricerca dell'efficacia, della fretta, del perfezionismo, tanto da esaltare i problemi, dimenticandosi della persona... Ci siamo accorti che in una società pieno di suoni, di parole, tutti parlano e nessuno ascolta. Che fare dunque?

vai al sito...

Sant'Ugo in rete

youtube
E' possibile seguire le sante messe in diretta streaming - e rivederle on line - sul nostro canale youtube:

www.youtube.com / parrocchiasantugo


facebook
Parrocchia Sant'Ugo è anche su facebook:

www.facebook.com / parrocchiasugo

Orari

Powered by JoomlaGadgets

HO SCOPERTO IL SEGRETO DI UN CUORE FELICE

HO SCOPERTO IL SEGRETO DI UN CUORE FELICE

Roma-Bangkok 'connesse' grazie ai sogni

photo-1469571486292-0ba58a3f068bIn Thailandia è notte fonda... In Italia è sera. Si abbassano le luci del giorno e si accendono quelle create dall'uomo per illuminare la notte. Roma. Siamo a quasi 8.823 km da Bangkok. La matematica non è un'opinione, ci dicevano, e noi per un momento ci lasciamo sopraffare da quest'affermazione e ci chiediamo: ma quanto ha detto Papa Francesco durante la messa coi giovani, cosa a che fare con noi, qui, di Roma?

Bergoglio, il Pontefice che viene dalla 'fine del mondo', come si è definito lui stesso nel momento della sua elezione, ci lascia parole di sprono, lungimiranti, capaci di trasformare il nostro 'oggi'.

È venerdì. Siamo a Termini, luogo di passaggio, di incontro, di partenze e arrivi. C'è un frastuono di voci, rumori... Sono le 20'30. Con un amico decidiamo di avvicinarci ad un giovane che giace nei marciapiedi della stazione. Chissà da quanto è lì? Forse da poco, o invece quel pezzetto di asfalto è la sua casa da molto tempo. Gli andiamo incontro...

Il suo sguardo ci dice che è come ci aspettasse da tempo. Non è solo. Ha trovato un'amica capace di interloquire con lui poiché non parla molto bene l'italiano. L'inglese diventa la lingua che ci mette in relazione. Ci invita a 'casa sua'. "Sedetevi pure!" Prendiamo posto. Si unisce a noi un altro ragazzo giovanissimo. Ha l'aria di qualcuno di smarrito, ma col desiderio di passare un po' di tempo con degli 'amici'.

È passata solo una mezz'oretta dai 'convenevoli' e iniziamo a raccontare una storia... Le storie, lo sappiamo, sono così ricche che lasciano a ciascuno la libertà di riconoscersi in uno dei personaggi. Ma questa è una storia vera. È il racconto di Giuseppe, un giovane ragazzo sognatore, amato dal padre, ma odiato dai suoi fratelli a motivo dei suoi sogni.

Papa Francesco e Roma Termini sono collegate con un wifi del tutto speciale. Il codice segreto per accedere alla 'linea' è SOGNI. Insieme leggiamo il testo; chi in italiano e chi in inglese. Ci troviamo a condividere i nostri sogni di quand'eravamo bambini. Uno sognava di avere tanti amici, un'altra di viaggiare, un altro ragazzo di stare bene in famiglia, un altro ancora di vivere da libero, con sua madre e l'ultimo ragazzo sognava di stringere le mani dei tanti smarriti per portarli verso un luogo sicuro.

I sogni. Noi cinque in un marciapiede a condividerli, sotto un cielo uggioso. I turisti che ci sfilano davanti. E nonostante tutto la gioia di essere insieme.

"A volte ho visto alberi giovani, belli, che alzavano i loro rami verso il cielo

tendendo sempre più in alto, e sembravano un canto di speranza. Successivamente, dopo una tempesta, li ho trovati caduti, senza vita. Poiché avevano poche radici, avevano disteso i loro rami senza mettere radici profonde nel terreno, e così hanno ceduto agli assalti della natura." PAPA FRANCESCO

Questi ragazzi hanno condiviso insieme a noi i loro sogni più belli, quelli più genuini, ma hanno trovato un mondo spietato, una famiglia che oramai non c'è più, degli amici che invece di proteggerli li hanno traditi. Sono alberi provati dalle tempeste della vita.

Ci arrivano al cuore le parole appena pronunciate dal Santo Padre...

"Mi fa male vedere che alcuni propongono ai giovani di costruire un futuro senza radici, come se il mondo iniziasse adesso.

Perché è impossibile che uno cresca se non ha radici forti che aiutino a stare bene in piedi e attaccato alla terra. Ragazzi e ragazze, è molto facile 'volare via' quando non si sa dove attaccarsi, dove fissarsi". PAPA FRANCESCO

I ragazzi che stanno davanti a noi, su quel marciapiede di Termini, vogliono sognare; sì, lo vogliono. Gli mancano le radici su cui poggiare il futuro... Sull'asfalto non cresce nessun tipo di seme. C'è bisogno di una terra. Per un momento regna un silenzio frastornante. Ci guardiamo tutti negli occhi. Uno di loro esclama: "Che ne dite se ci impegniamo, insieme, a realizzare i nostri sogni?". Ci stiamo! Ma come però? Siamo su un pezzo d'asfalto, noi soli, senza mezzi, senza soldi... Che possiamo fare? Non importata. Un ragazzo che abita quel pezzo di marciapiede ci chiede: "Quando tornate qui?".

Sognare... Esser felici. Voler rivedersi. Cercare insieme come realizzare i nostri sogni... Forse tutto questo ci dice la nostra fame e sete di felicità...

Come fare, Papa Francesco, ad essere felici con il poco che abbiamo?

"Lungo la strada, i vostri padri, nonni, maestri, hanno scoperto che il segreto di un cuore felice è la sicurezza che troviamo quando siamo ancorati, radicati in Gesù, radicati nella vita di Gesù, nelle sue parole, nella sua morte e risurrezione." PAPA FRANCESCO

Forse non abbiamo più una casa, una famiglia, degli amici di cui fidarci, un lavoro sicuro, ma abbiamo la possibilità di avere radici ancora più forti per resistere alle intemperie della vita e crescere belli e robusti: la vita di un Dio... Quel Dio era presente ieri sera, circolava nei nostri sguardi, era lì seduto con noi quando balbettavamo i nostri sogni; era lì quando cercavamo di ascoltarci. Dio era lì perché c'era la voglia di sognare; nonostante tutto. La connessione wifi con Bangkok ha funzionato grazie alla password SOGNI.

"Ci rivedremo?" ci chiede uno dei ragazzi di strada. "Sì" rispondiamo noi, certi che

l'amicizia coltivata con Gesù è l'olio necessario per illuminare il cammino, il vostro cammino.

Omelie della domenica

2020-02-23 VII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Omelia don Diego

file audio dell'omelia

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Avete inteso che fu detto: "Occhio per occhio e dente per dente". Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l'altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da' a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.

Avete inteso che fu detto: "Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico". Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Parola del Signore