LifeRoads

Liferoads
Cammini di Vita

LifeRoads200

L'idea di LifeRoads è nata dal grande desiderio di portare un po' di umanità in un mondo sempre in ricerca dell'efficacia, della fretta, del perfezionismo, tanto da esaltare i problemi, dimenticandosi della persona... Ci siamo accorti che in una società pieno di suoni, di parole, tutti parlano e nessuno ascolta. Che fare dunque?

vai al sito...

Sant'Ugo in rete

youtube32E' possibile seguire le sante messe in diretta streaming - e rivederle on line - sul nostro canale youtube:
www.youtube.com / parrocchiasantugo

facebook32Parrocchia Sant'Ugo è anche su facebook:
www.facebook.com / parrocchiasugo

instagram32Parrocchia Sant'Ugo è anche su Instagram:
www.instagram.com / parrocchia.sugo/

DA ROMA E FINO A BANGKOK, CERCANDO TE...

"DA ROMA E FINO A BANGKOK, CERCANDO TE..."

Il segreto della felicità in una canzone

(foto Ansa)Chi non conosce questo tormentone che ha accompagnato l'estate di tanti giovani? Non ci stanchiamo di seguire Papa Francesco nel suo viaggio in Thailandia, e lo facciamo a suon di musica. D'altronde i giovani amano identificarsi in parole messe in musica, in sentimenti resi vivi da nuove armonie. "Ti seguirei fino in capo al mondo, all'ultimo secondo, volerei da te, da Milano fino a Hong Kong, passando per Londra, da Roma e fino a Bangkok; cercando te!" cantava Giusy Ferreri.

Il nostro amato Francesco ci sprona al suo arrivo in quelle terre così apparentemente lontane da noi occidentali sempre a suon di musica, quando, rivolgendosi con un video-messaggio fatto a braccio ai giovani del Paese, cita il testo di una canzone alpina che dice: "Nell'arte di salire, ciò che conta non è non cadere, ma non rimanere a terra".

Parole, musica, significati, simboli; tutte cose che ci aiutano ad esprimere ciò che portiamo dentro di noi. Da un lato abbiamo una canzone che rivela quanto il desiderio di stare con la persona amata ti faccia fare chilometri; e non pochi... Dall'altra parte troviamo invece una canzone che viene dalla saggezza popolare e che ci insegna come raggiungere questi obiettivi nella vita di tutti i giorni.

Di certo la musica accompagna tante storie, tanti avvenimenti della nostra vita. Infatti, quando la radio passa un brano musicale a noi caro, subito la nostra memoria affettiva fa riaffiorare il fatto o la persona legata a quella musica, a quella canzone, a quel testo messo su uno spartito. E le emozioni ritornano...

La musica. Sì, abbiamo voluto iniziare così il nostro cammino di vita di oggi: Papa Francesco e la musica.

La musica risveglia il nostro desiderio più recondito, ha il potere di vincere le barriere costruite da una mente eccessivamente razionale e controllante. La musica ha il potere di smascherare e farti dire ciò che non hai il coraggio di dire.

Ma c'è uno spartito del tutto particolare e che, benché non ne siamo consapevoli, ha lo stesso potere delle canzoni: la vita! Ebbene sì, la vita è quello spartito dove poter comporre sempre nuove melodie, straordinarie armonie in cui ritrovarsi, rispecchiarsi, e far così emergere i nostri desideri più grandi.

Nello spartito della vita ci sono delle note che tornano molto spesso e che contraddistinguono la melodia felice: queste note sono il SI e il DO. Vi starete chiedendo cosa c'entra tutto ciò con Papa Francesco e con il suo viaggio apostolico?! Ebbene oggi vorremmo fermarci su questa nota, il SI, l'ultima della scala ma che prepara ad un'altra scala che comincia con il DO.

La vita è fatta di eventi, di cambiamenti, di storie più o meno belle, di fatti alle volte struggenti, ma c'è qualcosa che la contraddistingue da tutti gli altri tipi di vita: l'incontro. Ecco che il SI nella vita prepara il posto al DO, perché la sinfonia continui.

Ad attendere Papa Francesco c'era sua cugina argentina. Una donna, una consacrata, una mamma spirituale, una sorella per tanti, un'amica; era vestita di bianco. Nello spartito della vita era il SI. Ad arrivare c'era un uomo, un consacrato, un sacerdote, un padre spirituale, un fratello per tanti, un amico; era vestito di bianco. Nello spartito della vita era il DO. Entrambi sorridenti. Si sono ritrovati dopo tanti anni. Che melodia meravigliosa.

Ecco quello che ci ha lasciato questo incontro: una sinfonia straordinaria. Che musica per le nostre orecchie! Gli incontri, quelli veri, di persone che stanno cercando Lui, disposte ad andare fino in capo al mondo, accettando di cadere ma non restando a terra.

La canzone della vita la fai tu con gli incontri veri che sai accogliere, ricordando che se non c'è il SI non potrà mai esserci il DO. Sì, sono disposto a tutto per essere felice, ma la storia mi insegna che per essere felice devo imparare a dare.

"Vivi la vita, costruisci la vita, fai, vai avanti! Vai sempre avanti nel cammino. Impegnati. E avrai una felicità straordinaria, te lo assicuro."

Omelie della domenica

2020-09-27 XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Omelia don Daniele

file audio dell'omelia

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: "Figlio, oggi va' a lavorare nella vigna". Ed egli rispose: "Non ne ho voglia". Ma poi si pentì e vi andò. Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: "Sì, signore". Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo».

E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli».

Parola del Signore