Categorie
Credo e vivo Tu ed io? Un Papa o un papà?

PAPA FRANCESCO: “RITORNERANNO COME PER MIRACOLO LA SERENITÀ E LA PACE!”

I primi giorni di ottobre iniziano con ansia e trepidazione dovute ad un aumento di contagi da Covid, ma anche per le crisi economiche e le carenze di occupazione. L’autunno porta con sé un bel po’ di fatiche a cui dare, nonostante tutto, una rilettura nuova per non cadere nel fatalismo o nella mera sfortuna.

Papa Francesco incontra alcuni fedeli nell’Udienza del mercoledì e le sue parole tornano a fare eco nel vissuto, alle volte pesante, del cuore di molti.

“La preghiera è la linfa che alimenta costantemente […] l’esistenza. […] Eppure, anche Elia è costretto a fare i conti con le proprie fragilità.”

PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Il Santo Padre parte da una storia: il racconto di chi ce l’ha fatta; in questo caso del profeta Elia. Scopriamo ancora una volta quanto importante sia raccontare le storie di vita di tutti coloro che ce l’hanno fatta. È vero, la vita ci può mettere duramente alla prova e in questi mesi di pandemia lo tocchiamo con mano. Il benessere non sembra essere la sola risposta ai bisogni dell’uomo fragile e bisognoso. Nemmeno una spiritualità da “social”, truccata di risultati immediati, miracoli low cost, o cifre da capogiro di nuovi proseliti, o ancora, tecniche ed esercizi per trovare la felicità; tutto questo sembra non bastare più…

Santità, dove trovare – ci verrebbe da chiedergli – ingredienti che ci aiutino a vivere una vita in pienezza?

Sappi, che “nell’animo di chi prega, il senso della propria debolezza è più prezioso dei momenti di esaltazione, quando pare che la vita sia una cavalcata di vittorie e di successi.”


PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Fermi tutti: qui c’è qualcosa che non torna!

Santo Padre, tutti o molti, credono che le vittorie ed i successi siano la chiave di lettura di una vita felice?! E così anche per la spiritualità che taluni ci presentano…

“Nella preghiera succede sempre questo: momenti di preghiera che noi sentiamo che ci tirano su, anche di entusiasmo, e momenti di preghiera di dolore, di aridità, di prove. La preghiera è così: lasciarsi portare da Dio e lasciarsi anche bastonare da situazioni brutte e anche dalle tentazioni.”


PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Non continuiamo a capire come i momenti difficili possano rendere serena una vita… Ma forse c’è qualcosa di più che questa storia vuole dirci. D’altronde, un racconto lo si capisce se si ha il coraggio di arrivare alla fine.

Dio, nella vita di Elia, “si manifesta non nella tempesta impetuosa, non nel terremoto o nel fuoco divorante, ma nel «mormorio di un vento leggero». […] Dio viene incontro a un uomo stanco, un uomo che pensava di aver fallito su tutti i fronti, e con quella brezza gentile, con quel filo di silenzio sonoro fa tornare nel suo cuore la calma e la pace”.


PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Le situazioni difficili, i banchi di prova che la vita ci offre come le crisi personali o sociali, spingono molte volte l’uomo e la donna di oggi, di qualsiasi età, a voler risultati immediati e a basso prezzo. Allora si ‘scatena’ la ricerca all’ultimo corso online per diventare il coach di se stesso o altro; l’acquisto dell’ultimo libro su come superare i momenti di crisi; la ricerca di un corso ulteriore di formazione o master per essere ancora più all’altezza delle esigenze del mercato di oggi; oppure, sfortunatamente, il consulto di presunti detentori del futuro altrui che con magie o cartomanzie pretendono di indicare la strada a quanti sono in fatica. Ma la vita ci sta dicendo che tutto ciò non soddisfa la sete di bene, di serenità, di pace. L’uomo e la donna di oggi hanno sete di relazione! E ce lo dice chi ce l’ha fatta!

“Questa è la vicenda di Elia, ma sembra scritta per tutti noi. In qualche sera possiamo sentirci inutili e soli. È allora che la preghiera verrà e busserà alla porta del nostro cuore.”


PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Le storie di vita non sono allora meri ricordi ‘carini’ di un personaggio che ha fatto cose eroiche; no! Il racconto forse ci dice ancora una volta che il male, le crisi, le difficoltà si superano camminando mano nella mano con qualcUno. Forse che la preghiera è proprio questo: camminare con qualcUno che ci guida verso la verità di noi stessi e di quanto viviamo, attingendo alla biblioteca del proprio cuore, luogo dove troveremo certamente tutte le risposte che invece cercavamo altrove.

Ecco che anche se “avessimo sbagliato qualcosa, o ci sentissimo minacciati e impauriti, tornando davanti Dio con la preghiera, ritorneranno come per miracolo anche la serenità e la pace”.


PAPA FRANCESCO, Udienza Generale, 07 ottobre 2020

Grazie, Papa Francesco!

Per approfondire: http://www.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2020/documents/papa-francesco_20201007_udienza-generale.html